Vasocottura

E’ una tecnica culinaria che è sempre esistita, consente di fare una cucina sana , semplice e di sicuro effetto. Con la vasocottura è possibile cuocere gli alimenti direttamente in vasetti di vetro utilizzando il microonde, il forno tradizionale, a bagnomaria e addirittura in lavastoviglie.

Con questo tipo di cottura, non vi è dispersione di sostanze nutritive perché restano tutte all’interno del barattolo, che trattiene gli aromi del cibo e pertanto ne accentua il naturale gusto e il profumo. Inoltre, la cottura a bassa temperatura mantiene inalterate, per quanto possibile, le consistenze e la qualità dei nutrienti, e all’apertura dei vasi si sprigionerà tutto il profumo degli ingredienti.

Si può realizzare un intero menù, l’unica cosa non è adatta per la cottura dei funghi, in quanto potrebbe verificarsi una concentrazione di tossine, che invece con le cotture tradizionali andrebbero perse.

Come funziona?

E necessario utilizzare dei vasetti di vetro che non abbiano dei tappi con parti metalliche, soprattutto se si intende sfruttare il forno a microonde e tradizionale. In commercio sono disponibili dei vasi di vetro appositamente creati per questo tipo di cottura , dotati di tappo di vetro.

Gli ingredienti si mettono tutti insieme direttamente nei vasi , gli stessi contenitori, poi, si possono mettere in tavola e lasciare aprire direttamente dagli ospiti, che verranno inondati dai profumi della pietanza.

Nel vaso si crea vapore e gli ingredienti restano morbidi e gustosi, una cucina simile a quella della cottura al cartoccio. Le pietanze cuociono nei loro liquidi, proteggendo vitamine e sostanze salutari e limitando l’uso dei grassi.

Come si cuoce?

A bagnomaria: si distribuiscono gli ingredienti dentro i vasetti, si chiudono molto bene e si sistemano in una pentola con acqua fino ai due terzi dell’altezza dei vasi.

Forno “tradizionale”: inserire i vasetti un contenitore con dell’acqua (non direttamente sulla griglia del forno), a una temperatura variabile tra 60° e 150° utilizzando la funzione “ventilato” sulla base degli ingredienti che avete deciso di utilizzare.

Forno a microonde: inserire i vasetti nel microonde, attenzione a non utilizzare vasi che contengano elementi metallici, in questo caso bastano 6 -7 minuti a 600-700 Watt.

Lavastoviglie: inserire i vasi nella lavastoviglie, assicurarsi che i vasetti siano completamente ermetici e magari proteggerli in sacchetti per alimenti. La cottura avverrà sfruttando le temperature raggiunte dall’acqua durante il lavaggio.

Alcuni accorgimenti:

lasciare riposare i vasi prima di aprirli almeno una decina di minuti, tirare la linguetta della guarnizione e aprire il vasetto.

Non riempire i vasi completamente prima di chiuderli, perché questo impedirebbe la formazione del vapore.

Cosa si cuoce?

Ortaggi e frutta: se si tratta di ingredienti di rapida cottura si possono inserire direttamente nel vaso altrimenti meglio scottarli qualche minuto in acqua bollente (es. patate, carote, ecc…)

Pasta e cereali: la pasta va prelessata e condita leggermente perché non attacchi mentre il riso a cottura rapida e la quinoa possono essere messi direttamente nel vaso, purché si aggiunga una dose di liquido da assorbire durante la cottura.

Carne e pesce: possono andare direttamente nei vasi tagliati a pezzetti piccoli e aggiungere sempre qualche cucchiaio di liquido (brodo, vino, ecc…) o olio che permette la cottura.

Si possono altresì cuocere dolci, creme e salse.

Ora vi lascio alcune ricette:

L’articolo sulla Gazzetta Matin

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Torta di mais